Innovazione & sport – Dick Fosbury

marzo 6, 2016 0 Di Fulvio Agresta

Oggi festeggiamo il compleanno di un grande innovatore nel mondo dello sport; Dick Fosbury. Nato il 6 marzo del 1947 a Portland (Oregon).Un grande innovatore, per la sua epoca, tanto che la tecnica da lui usata per il salto in alto è tutt’ora insegnata e usata nel mondo dell’atletica. Si oggi parliamo di atletica leggera.

Dick_Fosbury_1968

87971b9a-75c0-402b-b299-cf489c20b637

Richard Douglas Fosbury

La sua tecnica fu nota al mondo per la prima volta durante le Olimpiadi di Città del Messico del 1968 anche se con il suo stile di salto, Fosbury vinse prima il campionato Universitario (NCAA) e successivamente i Trials che gli permisero di approdare ai giochi olimpici. Come riporta wikipedia, la caratteristica principale di questa tecnica è che il centro di massa rimane sotto l’asticella, per cui lo sforzo è minore rispetto allo scavalcamento verticale. Tale risultato si ottiene grazie a una rincorsa con traiettoria semicircolare, che ha la capacità di ottenere nel momento dello stacco, eseguito volgendo il dorso all’asta, una combinazione di energia centrifuga ed elevazione in un movimento che risulta obliquo all’ostacolo, rispetto al classico scavalcamento verticale ad angolo quasi retto.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=9iq1KcuUR4E]

Si trattò di una vera e propria innovazione perché fino a quel momento nel salto in alto lo stile utilizzato era quello ventrale; sempre da wikipedia (per evitare di scrivere strafalcioni ) descrive così questa tecnica: dopo una rincorsa in linea retta obliqua il saltatore si stacca dal suolo con il ventre rivolto all’ostacolo e con un arto esteso per spingersi verso l’alto, richiamando l’altro con la gamba flessa sulla coscia e superando l’asta attraverso un movimento di rotazione del busto sull’asse longitudinale.
[youtube https://www.youtube.com/watch?v=abwlY_XdRcg]

tecnica salto ventrale

A differenza del precedente stile a forbice, nel momento del superamento lo sguardo è rivolto verso il basso, cioè l’atleta valicava l’asticella passandoci sopra con l’addome ( o ventre) . Questo stile piano piano venne sostituito definitivamente con lo stile praticato da Fosbury durante gli anni 80.

Augurando ancora un buon compleanno a Dick Fosbury per i suoi 69 anni godiamoci il video ripreso da YouTube prodotto da Rai 3, della finale della gara di salto in alto delle Olimpiadi di Città del Messico 1968

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=rX3bCh8v1FE]