Trisome Games 2016: un’altra esperienza sul campo

Trisome Games 2016: un’altra esperienza sul campo

luglio 24, 2016 0 Di Fulvio Agresta
Dopo qualche giorno che sono finiti posso parlare anche io dei Trisome Games 2016 dove ero in area accrediti, vista l’esperienza di giugno,  a dare una mano. I trisome games sono un’ insieme di competizioni, i giochi olimpici per sole persone affette dalla trisomia 21 (http://www.trisomegames2016.org/).
Facciamo ordine pero’, anche solo per capire meglio e fare chiarezza; cosa e’ la trisomia 21 o sindrome di Down? La sindrome di Down e’ una condizione cromosomica causata dalla presenza di una terza coppia , o una parte, del cromosoma 21. Per completezza, anche se non so quanto esaustiva, vi rimando alla pagina di wikipedia inerente – [https://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_Down].
Per chi fosse interessato ecco anche un articolo tratto da Ability Channel a riguardo [ http://www.abilitychannel.tv/sindrome-down-risultati-uno-studio/ ]

A parte i dati tecnici della sindrome, sono stati tutti ragazzi solari e positivi, infatti dal punto di vista umano e’ stata una bella esperienza; vedere cosi tanti ragazzi e ragazze impegnarsi al massimo e vedere la felicità sulla faccia dei vincitori ma anche la felicità sulla faccia dei vinti, che erano contenti anche solo di esserci, è stato impagabile.
425725354_3925586731482811871

Uno scorcio della segreteria e dell’area accrediti

Questa è stata la prima edizione dei Trisome games, giochi olimpici per atleti con sindrome di Down. Atletica leggera, calcio a 5, ginnastica ritmica e artistica, nuoto, nuoto sincronizzato, tennis, tennis tavolo e judo le discipline nelle quali gli atleti di 36 nazioni si sono dati “battaglia” nella 5 giorni di gare. L’evento organizzato dal Comitato Paralimpico Italiano (CIP) e la FISDIR, la Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale con il supporto di SUDS (Sport Union for athletes with Down Syndrome).
Per la cronaca l’italia ha vinto il medagliere con 109 medaglie davanti a Messico Sud Africa e Brasile. Anche la Gazzetta dello Sport ha pubblicato un articolo a riguardo:

[http://www.gazzetta.it/Paralimpici/21-07-2016/paralimpici-trisome-games-trionfo-azzurro-giochi-atleti-sindrome-down-160432313298.shtml?refresh_ce-cp]

Oltre al reparto accrediti mi sono anche divertito nelle cerimonie che sono avvenute all’interno del ”trisome village” essendo alla gestione degli inni nazionali. A Grosseto abbiamo sentito molte volte l’inno russo, questa volta, finalmente, abbiamo sentito molte volte l’inno italiano.

Notizia positiva è che i Trisome Games si svolgeranno ogni 4 anni, nell’anno olimpico, in concomitanza alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi, quindi verrà dato più spazio anche per questa manifestazione.
Sul sito ufficiale, che ho indicato all’inizio del post, e sulla pagina facebook è possibile trovare le foto scattate durante la manifestazione
Concludendo vi consiglio di partecipare, anche se solo come volontari, almeno ad una manifestazione del genere; amplierà sicuramente il vostro bagaglio culturale, e non solo.