Turismo e sport: un’accoppiata vincente per la promozione del territorio

Turismo e sport: un’accoppiata vincente per la promozione del territorio

luglio 4, 2018 0 Di Fulvio Agresta

Sempre più sta prendendo campo il turismo di tipo sportivo (legato allo sport) soprattutto nelle città dove il turismo stesso è alla base dell’economia cittadina ma al contempo vengono organizzati eventi sportivi, cosi detti popolari, ai quali possono partecipare tutti, dall’atleta professionista al podista saltuario.

Il turismo sportivo è dunque legato al territorio sul quale avviene l’evento, quindi dovrebbe essere naturale l’integrazione tra il settore turismo coinvolto, sia quello sportivo in questione.

Non solo chi partecipa ad un evento sportivo è coinvolto nel binomio turismo e sport ma anche gli spettatori che si spostano appositamente per l’evento in particolare sono parte coinvolta; anche gli accompagnatori degli atleti vengono interessati da ciò.

Il turismo sportivo rappresenta, da un lato, un’estensione dello sport alle attività del tempo libero – di vacanza, dall’altro, interpreta una necessità, avvertita nel mercato turistico, di sviluppare prodotti e servizi complementari, in modo da offrire una valida alternativa alla tradizionale vacanza “spiaggia, sole, mare” e di sfruttare alcuni fattori “attrattivi” del territorio tutto l’anno in chiave di destagionalizzazione dei flussi turistici.
Una collaborazione tra turismo e sport l’abbiamo proprio vista con l’ultimo accordo tra il club Basket Morabanc Andorra e il l’impianto sciistico di Vallnord – Pal Arinsal; l’accordo è tra due società ma questo avrà ripercussioni positive coadiuvando una maggior attrattiva tra il settore sport e il settore turistico.

Quindi il binomio turismo e sport è basato sul rapporto con il territorio, infatti un’altro esempio di coinvolgimento dello sport con il territorio è stato quello tra il Basket Club Andorra e il comune di Andorra La Vella, del quale abbiamo parlato nel seguente post:

Collaborazione tra sport e territorio: un esempio dal piccolo stato di Andorra

Parlando sempre della squadra di pallacanestro già il fatto di essere sponsorizzato dal gruppo “Morabanc“, banca nazionale d’Andorra, la dice lunga sul legame tra territorio, istituzioni e sport.

Il legame tra sport, turismo e territorio è da collante e crea senso d’appartenenza sia per gli abitanti di quel territorio, sia per i tifosi che ne stanno al di fuori.

Sempre parlando di Andorra, il piccolo stato pirenaico ha presentato la candidatura per i Campionati Mondiali di Sci alpinismo , questo per la promozione sia dello sport sia per la promozione del territorio, che per evidenti caratteristiche geografiche fonda le attività invernali come proprio punto di forza; ovviamente anche la stagione estiva viene valorizzata ma in modo differente.

Andorra La Vella in inverno – foto da http://www.yourmag.it/

Paesi con la possibilità di unire sport e turismo dovrebbero sempre più cavalcare l’onda di questa opportunità e non tanto gestire l’evento in se ma coordinare tutto quello che sta intorno ad esso, come la gestione di convenzioni o la creazione di pacchetti turistici coinvolgendo i gestori locali, in maniera che tutti ne possano trovare beneficio, diretto dal punto di vista economico e indiretto dal punto di vista di visibilità e attrattiva per i periodi successivi alla manifestazione sportiva.

Unire turismo e sport è una grossa opportunità economica, già da diverso tempo molti tour operator stanno sfruttando proprio gli eventi sportivi, creando pacchetti appositi unendo sport, come la maratona e il turismo, lavorando per favorire i partecipanti a viaggiare e/o alloggiare nella città della gara.

Infatti come scrivono “Roberto Ciampicacigli” e “Simona Maresca” nel loro lavoro – Due metalinguaggi si intrecciano: sport e turismo“Se da un lato il turismo sportivo rappresenta un’estensione dello sport alle attività di vacanza dall’altro rappresenta la necessità di sviluppare prodotti e servizi complementari in modo da offrire una valida alternativa alla tradizionale vacanza “spiaggia, sole, mare” e di sfruttare alcuni fattori “attrattivi” del territorio tutto l’anno in chiave di destagionalizzazione dei flussi turistici“.

Quindi si sfrutterebbe lo sport per ampliare il mercato del turismo e viceversa per creare più attrattiva verso un determinato evento sportivo o attività sportiva. Scrissi un’articolo sul turismo e la maratona di Firenze e il discorso di destagionalizzazione riguarda proprio questo; la maratona di Firenze si svolge, ogni anno, l’ultima domenica novembre e questo mese non è molto produttivo dal punto di vista turistico ma con un evento del genere, come scrissi nell’articolo, porta molte persone (anche dall’estero) in città che hanno modo di visitare la città oltre che a partecipare alla gara.

 

A tal riguardo vi voglio anche parlare di  un post pubblicato sul sito “Blog and the city”  riguardante una manifestazione sportiva che si svolgerà tra il primo e il 2 di settembre in Umbria, cioè “La Spoleto-Norcia in MTB” , articolo che vi consigliamo di leggere molto attentamente.

Citando l’articolo si capisce che dalla conferenza stampa di presentazione dell’evento questo sia improntato non solo sullo sport e l’attività sportiva ma anche lo sviluppo del territorio umbro.

La conferenza è iniziata con il saluto della vice sindaco di Spoleto Dr.ssa Maria Elena Bececco, con un intervento mirato ad illustrare l’organizzazione della manifestazione che prevede attività collaterali per accompagnatori ed amanti del cibo. In particolare ci ha spiegato: “Quest’anno la manifestazione sarà arricchita dalla presenza di 1000 atleti diabetici che vengono da tutta Europa in quanto abbiamo vinto un progetto Erasmus +. E’ molto importante per far conoscere le bellezze del nostro territorio e per promuovere uno stile di vita sano, per poter pensare che l’attività fisica possa essere anche una cura”

Quindi alla base c’è si lo sport, l’attività fisica, la promozione di uno stile di vita sano ma a far da traino a tutto ciò la promozione del territorio unito, come in questo caso, dallo sviluppo di un progetto erasmus basato sulla prevenzione della salute.

La SpoletoNorcia in MTB 2018 partirà il 1° settembre tra bellezze naturali, eccellenze gastronomiche e storia

Si capisce bene che in questo evento sportivo non si parla solo di sport ma anche di territorio e di salute.

Sport + Promozione del territorio + Salute = Stile di vita

Alla fine si parla di questo, di stile di vita. L’attività fisica sportiva unita alla promozione del territorio e delle specialità culinarie che lo rappresentano coadiuvato da un progetto legato alla salute come l’argomento diabete.

Partenza della Spoleto – Norcia 2017 | foto da https://www.laspoletonorciainmtb.it/

Riprendendo la promozione del territorio va evidenziato che un evento come questo coinvolge vari territori e che quindi il turismo che viene promosso è un turismo di tipo “lento”, come emerso in conferenza stampa e non il turismo rapido, cioè quello “mordi e fuggi”:

L’importanza di promuovere, attraverso La SpoletoNorcia in MTB, il turismo “lento” in contrapposizione con quello “mordi e fuggi” che faccia vivere a chi arriva a Spoleto un’esperienza a tutto tondo della zona dal punto di vista paesaggistico, storico, artistico ed enogastronomico.

Un altro esempio di sport e turismo sarà rappresentato dalla terza tappa del circuito nazionale del Campionato italiano di beach volley

Uno scenario inconsueto, ma senza dubbio il più suggestivo del campionato italiano di beach volley 2018. Milano si appresta a ospitare la terza tappa del circuito nazionale, in scena dal 6 all’8 luglio. Campo centrale davanti al Castello sforzesco, sfondo d’eccezione come nei grandi eventi internazionali con i campi allestiti in posti in cui solitamente la sabbia non c’è.

Il Castello Sforzesco farà da cornice in una tre giorni all’insegna del beach volley in un contesto racchiuso tra ” storia e sport”. Al link seguente l’articolo completo de La Gazzetta dello Sport: Beach Volley, campionato italiano: tappa tricolore al Castello Sforzesco

Concludendo pare sia chiaro che l’unione tra sport e turismo è un argomento molto complesso, che andrebbe trattato più ampiamente nel dettaglio visto che le tematiche coinvolte sono tante, come descritto in quest’ultimo articolo dal quale ho preso spunto. Ben presto approfondirò su questi temi perché credo che valga la pena approfondire su questi argomenti data la natura del nostro territorio (italiano) e la propensione a promuovere lo sport.


Fonti e link: