Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.apprensionisportive.it/home/wp-content/plugins/wp-slimstat/vendor/browscap.php on line 107
Sotto il diluvio arriva la vittoria per Le Puma: Torre del Greco sconfitto 22 – 7 – Apprensioni Sportive
Aggiornamenti dai Campi

Sotto il diluvio arriva la vittoria per Le Puma: Torre del Greco sconfitto 22 – 7

Un vero e proprio diluvio, quello che ieri ha battezzato la 1a vittoria in campionato de Le Puma Bisenzio, che alla Bisenzio Arena, hanno sconfitto le Leonesse dell’Amatori Torre Del Greco, 22 – 7.

Eppure la partita non era cominciata nel migliore dei modi per le padrone di casa, che dopo aver subito un paio di calci di punizione nei primissimi minuti, si sono fatte sorprendere al largo dalle avversarie, abili a giocare in velocità nonostante l’acqua battente: anche se il placcaggio disperato di Cinquina sembrava riuscire ed evitare la segnatura dell’ala campana, lei un attimo prima di cadere è riuscita a passare il pallone ad una compagna che stava sopraggiungendo in velocità. Il placcaggio di Shakhkuliani anticipa l’arrivo del pallone e così la sig. Perata ha assegnato una meta di punizione alle Leonesse. Saranno questi però gli unici punti messi sul tabellone dalle campane.

Nonostante le pessime condizioni atmosferiche è apprezzabile il tentativo di entrambe le squadre di provare a giocare il pallone al largo, con risultati però poco soddisfacenti.

Le Puma si compattano, cominciando a giocare vicino ai punti d’incontro, guadagnando calci di punizione che permettono di risalire il campo usando il piede. Sul finire del tempo succede di tutto, da una maul avanzante, ottimamente difesa dalle campane, hanno origine un’infinita serie di ripartenze ed alla fine è Barbugli a trovare il varco giusto. Donigaglia fallisce la trasformazione ed il punteggio di 7 – 5 riporta in partita le Puma, che però qualche minuto dopo perdono l’apertura Shakhkuliani, la quale rimedia un brutto taglio in testa dopo un fortuito scontro di gioco ed è costretta ad abbandonare il campo. Al suo posto subentrerà Mengoni (autrice di una buona prova), costringendo Cirri a ridisegnare lo schieramento dei trequarti. Nell’ultima azione del primo tempo poi, Cenni viene sanzionata con il giallo per un tentativo di intercetto, che viene giudicato avanti volontario.

Nonostante l’inferiorità numerica, ad inizio ripresa, Le Puma provano ancora ad attaccare nello spazio, ma pur riuscendo a tenere in mano alcuni palloni, il campo trasformatosi in un vero e proprio acquitrino non consente di giocare in velocità, così un paio di fughe solitarie di Bucalossi e Cinquina permettono solo un limitato guadagno territoriale. La squadra si compatta intorno alla propria mischia, anche perché con il passare dei minuti la condizione atletica de Le Puma, appare migliore di quella delle avversarie e la mischia campana, che aveva efficacemente contrastato quella delle padrone di casa comincia a cedere. E’ così che a metà tempo dopo un calcio di punizione giocato velocemente da Santini, Lastri viene fermata a pochi centimetri dalla linea di meta. Le Puma tentano di sfondare con una serie di ripartenze, ben difese dalle Leonesse, alla fine è Santini a servire Cenni all’esterno e la flanker de Le Puma va a schiacciare in meta, facendosi perdonare il cartellino giallo. Trasformazione fallita da posizione angolata ed al 57′ il punteggio viene fissato sul 10 – 7. Menicacci prende il posto di una stremata Barbugli e la mischia continua ad essere efficace guadagnando alcuni calci di punizione, che fruttano un buon guadagno territoriale. Ancora partendo da una touche questa volta è Longaron (premiata poi come migliore in campo) a trovare il varco giusto dopo l’ennesima serie di pick&go.

La meta della tallonatrice seravezzina porta Le Puma sopra il break (15 – 7) con tredici minuti ancora da giocare. Batosti prende il posto di un’ottima Chelazzi e le rossoblu (ieri in nero) ripartono in attacco cercando addirittura la meta del bonus. La difesa delle avversarie sembra tenere, le squadre appaiono stanche, provate dall’ingente quantità d’acqua che si è riversata su di loro nel corso degli 80 minuti. Quando ormai l’arbitro ha chiamato l’ultima azione di gioco, un calcio di punizione (le avversarie avevano sigillato il pallone), viene giocato velocemente da Turchetti (altra prestazione di grande sostanza la sua) e la palla arriva a capitan Bitossi, che placcata davanti alla linea di meta si rialza rapidamente sorprendendo la difesa con un tuffo repentino che frutta la 4a meta (quella del bonus) per Le Puma. La trasformazione di Donigaglia, sancisce il definitivo 22 – 7 e manda le squadre sotto una meritatissima doccia calda.

Arriva così dopo due giornate la prima vittoria in campionato per le ragazze di Cirri, vittoria meritata e legittimata con un secondo tempo di grande intensità. Con questa vittoria Le Puma risalgono la classifica agguantando il 4° posto ed annullano finalmente la penalizzazione. Domenica prossima le rossoblu saranno ospiti di un giovane ed agguerrito Frascati, ultimo in classifica, ma che ha mostrato buonissime cose fin qui e non dovrà essere assolutamente sottovalutato.

Queste le parole di capitan Bitossi alla fine della partita:

“Segnare quella meta è stata una gioia incredibile, non ci credevo nemmeno io. Era importante per noi vincere oggi e non è stato facile giocare in queste condizioni atmosferiche. Adesso andremo a Frascati con la testa un po’ più libera, ma siamo coscienti che dovremo portare a casa un’altra vittoria se vogliamo continuare il nostro percorso di crescita”.


Tabellino

LE PUMA BISENZIO – AM. TORRE DEL GRECO = 22 – 7

Le Puma Bisenzio:

15 Boncioli, 14, Bucalossi (70′ Carrabba), 13 Donigaglia, 12 Di Vitantonio, 11 Cinquina, 10 Shakhkuliani (36′ Mengoni), 9 Santini, 8 Turchetti, 7 Cenni, 6 Garuglieri , 5 Lastri, 4 Bitossi (cap), 3 Barbugli (59′ Menicacci, 2 Longaron, 1 Chelazzi M. (67′ Batosti)

A disposizione: 16 Skuhlukia, 19 Bianchi, 21 Angiovini, 22 Della Regina

All. Cirri – Bigi

Mete e azioni:

12′ mt punizione Torre (0 – 7), 30′ mt. Barbugli (5 – 7), 40′ giallo Cenni, 57′ mt. Longaron, 67′ mt. Longaron (10 – 7), 80′ mt. Bitossi + trasf. Donigaglia (22 – 7)

Woman Of The Match: Longaron (Le Puma)


Le foto utilizzate nel post sono di Enrico Mari